Home

Enrico Gastaudo

Ciao, io sono Enrico, e sono entrato a far parte della compagnia l Fornel il 17 gennaio 1994. All'epoca si stava preparando la commedia "La notte di San Lorenzo". Essendo io un nuovo arrivo, e non potendo pretendere alcuna parte in quanto "ultimo arrivato", mi fu chiesto di occuparmi del cambio luce, compito molto importante in quello spettacolo. Alla fine di febbraio del medesimo anno, in modo deltutto improvviso ed inaspettato, Gian Piero Ambrassa mi telefon chiedendomi se avevo voglia di imparare una parte nella commedia "Pr mariesse venta fe bela figura", in quanto dieci giorni dopo si doveva andare in scena nel teatro di Moretta di Alba e un'attrice, per problemi di studio, aveva dato forfait. Si, avete letto bene c' proprio scritto "attrice" e non un errore di battitura. Si trattava infatti di una parte femminile (Tta Neta, una vicina di casa impicciona e curiosa). Accettai di buon grado, per l'occasione, di trasformarmi e di studiare la parte nonostante tutto. Pochi giorni pi tardi, l'11 marzo 1994, mi esibii per la prima volta e fu un trionfo veramente gradito. Devo ammettere che a questo particolare personaggio ancora oggi sono molto affezionato e mi piacerebbe riproporlo per divertirmi divertendo il pubblico. Dopo questa prima commedia ho continuato a frequentare il teatro amatoriale (devo dire che non sempre sono rose e fiori come lo spettatore pu pensare) e posso asserire che si tratta di una vera e propria passione.  L'anno successivo (il 1995) mi sono ritrovato nelle vesti di "Cichin, amis d Giulian" nella commedia "l ritrat". Si trattava di un personaggio anziano e timido che mi piaciuto molto interpretare. Nel 1996 iniziammo lo studio di "Pint Frut dotor di mal ai pe" che, purtroppo, fu sospesa improvvisamente a causa della scomparsa del grande attore albese Giovanni Clerico. Proprio per ricordare e celebrare la bravura di quest'uomo la compagnia cambio il nome in "l Fornel  Giovanni Clerico". Nell'autunno dello stesso anno studiammo "Quand l batoch a son-a" dove, questa volta mi trovavo ad interpretare "Piero lo stalliere", un personaggio poco simpatico e molto arrogante ma che riscosse grande successo.. Il 1997 fu l'anno di " Surpreisa" dove mi sono dovuto temporaneamente ritirare dalla scena in quanto ho dovuto svolgere il servizio di leva. Ho comunque interpretato una piccola parte: il ragionier "Federico", che arrivava da Lugano. Dopo il congedo, a fine ottobre, ho ripreso l'attivit a pieno regime e nel 1998 portammo in scena "Chi delle tre?". Il mio personaggio era il ragioniere "Enrico Tacca", uno scansafatiche raccomandato dall'onorevole "Pacca". Il 1999 mi vide nei panni di "Carlin " nipote del dottore in "Tutta colpa della gli". Nel 2000, invece, imparai la parte di "Berto" nella commedia "L'amor d Celestina" ed anche questa interpretazione e risultata molto gradita al pubblico. Il 2001 fu un anno molto travagliato. Portammo in scena "Pap pscador". Il mio ruolo era "Enrico", il figlio della farmacista. Questa commedia senz'altro una delle pi belle scritte da Gian Piero Ambrassa ma, purtroppo dovemmo sospenderla per la dipartita di Margherita Gribaudo, moglie di Ambrassa e principale protagonista delle commedie del marito. Tutta la compagnia, decisa a continuare, ha voluto, nel settembre del 2001, mettere in scena "La rapina", la prima commedia scritta da Giovanni Cravero, che ancora oggi tra le commedie pi richieste ed apprezzate. Il primo di dicembre, dopo tre mesi di intenso studio mi travestii da "Bobby con due B" ed anche questo, devo ammettere un personaggio che ho nel cuore. Nel 2002 e nel 2003 non abbiamo preparato nulla di nuovo per motivi tecnici ma, nel 2004 esce "l castel dl nebbie" un giallo comico scritto da Giovanni Cravero, dove io interpreto la parte del commissario "Gicomo Tardo". Il 2005 di nuovo un anno di standby mentre nel 2006 viene riproposta in una nuova versione "Pr mariesse venta fe bela figura", dove per, questa volta interpreto la parte di "Ernesto il figlio dei coniugi Garino ". All'inizio del 2007 si riporta in scena "L'amor d Celestina" dove interpreto lo stesso personaggio del 2000. Infine a dicembre 2007 parte un nuovo spettacolo di Giovanni Cravero, "l sugn proib d Gepe Stord" in cui interpreto il dottor "Pinin Farina" e "Usel ch'a scracia", capo Sioux ed alter ego onirico del dottore.

Nel 2004 sono stato premiato con menzione d'onore di attore non protagonista per la commedia "La rapina" in occasione del secondo concorso teatrale regionale "Carlo Gallo - Galucio 2003". Nel 2007 il pubblico di Borgaretto mi assegna il terzo premio come attore non protagonista nella commedia "Pr mariesse venta fe bela figura".

Arrivederci a teatro.

Chi volesse contattarmi pu scrivere a enrico.gastaudo@el-fornel.com