Home

Ël séugn proibì ëd Gepe Stordì

Terza commedia, in ordine di tempo, scritta da Giovanni Cravero. Questa, a differenza delle prime due (La Rapina , Ël Castel dël nebbie), prevede un cambio di scena, per passare dall'interno della casa di Gepe Stordì al saloon della città di Tombstone, quella, per intenderci, della famosa sfida all'OK CORRAL.

Trama

Si è appena terminata una lauta cena a casa Stordì a base di bagna cauda. Ai commensali si aggiungono alcuni conoscenti e la serata sembra avviarsi verso una tranquilla riunione di amici. Ad un tratto, però, l’argomento cade sulla fissazione di Gepe, il padrone di casa: I FILM WESTERN. Il nostro povero Gepe, pare sia proprio impallinato per questo genere di film e non ne perde nessuno, a costo di registrarli, anche se li conosce a memoria,almeno,secondo quello che dice la moglie Juccia agli amici. Purtroppo, l’amico Pinin non si fa scappare l’occasione per prendere un po’ in giro Gepe, il quale, però, è molto permaloso su questo argomento. Si accende una discussione che si conclude con l’abbandono della casa da parte degli amici. Juccia però questa volta non è disposta a perdonare Gepe e  gli intima di non presentarsi in camera da letto. Si sa che la bagna cauda non aiuta il sonno e anche per Gepe si prospetta una notte molto agitata …

Buon divertimento